Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ti trovi qui:News e Avvisi - Archivio»News del Comune»Casi di legionella a Busto Arsizio - Le azioni di prevenzione del contagio
Lunedì, 07 Settembre 2020 07:58

Casi di legionella a Busto Arsizio - Le azioni di prevenzione del contagio

comportamento legionellaIn riferimento ai casi di legionella riscontrati in Città il Sindaco Emanuele Antonelli segnala di aver passato tutta la serata di venerdì 4 settembre al telefono con i vertici regionali e le autorità sanitarie per avere tutte le informazioni necessarie: tutti i casi riscontrati risultano sotto osservazione e si tratta di 11 uomini e 4 donne di eta’ compresa tra i 56 e i 92 anni. Non dovrebbero esserci persone in pericolo di vita e anche il decesso registrato non è attribuibile con certezza alla legionella trattandosi di un paziente pluripatologico e anziano.

Le autorità sanitarie territoriali si erano attivate immediatamente realizzando prelievi e la campionatura delle acque nelle abitazioni di residenza, il controllo degli impianti idrici (acquedotto) e delle torri di raffreddamento. le analisi di laboratorio sono in corso. In via precauzionale è stata altresì eseguita una iperclorazione dell’acqua. Sono in corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari previsti dai protocolli di sicurezza.La situazione è sotto controllo.

Gli uffici del Comune sono costantemente in contatto con ATS Insubria, i cui tecnici si stanno occupando delle ricerche e dei controlli e forniranno ogni informazione che verrà loro comunicata e che si riterrà utile a consentire ai cittadini di Busto di utilizzare l’acqua in sicurezza.

Il batterio Legionella Pneumophila è ampiamente diffuso in natura nelle acque stagnanti ove prolifera alle temperature tra 25° e 45° e negli ambienti umidi. La malattia si può evidenziare con sintomi simil influenzali (febbre, tosse, astenia, lieve difficoltà respiratoria) o con quadro di polmonite che di norma comunque risponde a terapia antibiotica mirata. In soggetti particolarmente fragili può evolvere con complicanze fino al decesso.
Il periodo di incubazione che intercorre tra l’esposizione al batterio e il manifestarsi dei sintomi varia da 2 a 10 giorni; in media 5-6 giorni.
Non è mai stata dimostrata la trasmissione interumana della Legionella Pneumophila da persona a persona e la modalità di contagio avviene per via respiratoria tramite inalazione, aspirazione o microaspirazione di piccolissime goccioline contaminate (aerosol) generate ad esempio da docce, rubinetti, impianti di condizionamento, umidificatori, fontane ornamentali, torri di raffreddamento

Si comunica che l’uso delle docce degli impianti sportivi gestiti da Agesp sarà inibito in attesa dell’esecuzione degli interventi già programmati.

LE AZIONI DI PREVENZIONE DEL CONTAGIO

La prevenzione delle Legionellosi può essere attuata attraverso l’adozione di semplici misure di controllo di tipo impiantistico e con la messa in atto di comportamenti precauzionali individuali. Al riguardo, si rammentano le azioni di prevenzione e controllo descritte anche sul sito di ATS Insubria https://www.ats-insubria.it/aree-tematiche/ambiente/4857-legionellosi. In particolare:

- è buona regola provvedere a una corretta manutenzione periodica (disincrostazione e/o disinfezione) di tutti gli impianti che possono favorire la dispersione di Legionella (es. impianti idro-sanitari, attrezzature per idromassaggio, umidificatori dell’ambiente, condizionatori d’aria (anche dell’auto), fontane decorative, apparecchi per aerosol e inalatori)

- utilizzare possibilmente acqua fredda a temperatura inferiore ai 20° e mantenere l’acqua calda a temperatura superiore a 50° nelle caldaie o serbatoi

- fare scorrere l’acqua sia calda che fredda per 5 minuti dai sanitari del bagno (rubinetti, doccia) prima del loro impiego, quando non sono utilizzati per un certo periodo (dopo rientro dalle vacanze, abitazione di villeggiatura, seconda casa, ecc.).

- svuotare, disincrostare e disinfettare i serbatoi di accumulo dell’acqua calda (compresi boiler) almeno 1 volta l’anno.

- lavare con acqua sterile i boccagli per aerosol dopo ogni utilizzo e asciugarli accuratamente

- utilizzare umidificatori o ferri da stiro a vapore solo con acqua sterile

- mantenere puliti e liberi dal calcare i soffioni delle docce e i filtri rompi getto dei rubinetti, eseguendone la manutenzione almeno 2 o 3 volte l’anno; in particolare, è importante che siano smontati, disincrostate le varie parti con prodotti anticalcare o aceto e poi disinfettate con candeggina.

- non lasciare la canna per l’irrigazione del giardino al sole, non raccogliere e utilizzare acqua piovana da contenitori esposti al sole

- non avvicinarsi a fontane ornamentali o impianti di irrigazione o altre raccolte di acqua che disperdano nell’aria aerosol

- pulire e disinfettare i filtri degli impianti di condizionamento

- pulire e igienizzare a fondo le vasche per idromassaggio almeno una volta al mese con prodotti specifici o detergenti per lavastoviglie e candeggina. Non sono da utilizzare i detergenti che solitamente s’impiegano per la pulizia del bagno perché la schiuma prodotta potrebbe entrare all'interno delle bocchette e ostruire i tubi collegati alla pompa. Il circuito interno va pulito ogni 4/5 mesi dal calcare con acqua e candeggina fino a coprire i sensori e far partire il ciclo di bagno per almeno 15 minuti, poi svuotare la vasca e rieseguire l’operazione una seconda volta senza candeggina

- in caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni, evitare la realizzazione di reti idriche con tubature ove l’acqua possa ristagnare facilmente

- eseguire una corretta gestione delle piscine gonfiabili, molto diffuse nel periodo estivo; in particolare, per il loro utilizzo in sicurezza, è indispensabile impiegare prodotti chimici a base di cloro e alghicidi, oltre a eseguire una pulizia meccanica con retina e spazzola aspiratrice

Si raccomandano le suddette precauzioni in particolare ai soggetti anziani e a coloro che sono affetti da patologie croniche quali ad es. diabete, malattie polmonari croniche, cardiopatie e patologie che deprimono il sistema immunitario in quanto tali soggetti risultano particolarmente suscettibili e a rischio in caso di infezione da Legionella.

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 07 Settembre 2020 11:52